Menu Chiudi

Ricciolina

13,00

Categoria:

La tradizione popolare narra che la ricciolina badenga nasce ai primi del novecento grazie alla sapiente maestria di Nonna Beppa, una donna di montagna che pur vivendo negli anni dell’epopea mineraria, non dimentica quel passato recente in cui la sussistenza era garantita dai prodotti della terra, dai frutti spontanei e sopratutto castagne. Nonna Beppa, considerata la pasticceria di Abbadia San Salvatore, insieme altre donne Dina, Adae Luigina erano solite preparare dolci per ricorrenze e cerimonie. Ed è proprio in una di queste occasioni che nasce la Ricciolina nella versione badenga.
La base di pastafrolla era preparata come da tradizioneimpastando farina, burro, tuorli d’uova, lievitante e zucchero; il ripieno era composto da mandorle, ricotta e cioccolato, ma la vera innovazione fu proprio la realizzazione della guarnizione composta da una meringa a forma di ricciolo, decorata con cioccolato, anziché bastoncini arricciati di pastafrolla.
Più che ad una variante ricercata o ad un esperimento ben riuscito, dobbiamo pensare ad una scelta dettata da quella parsimonia antica che le popolazioni di montagna ed in particolare massaie amatine hanno nel loro patrimoni genetico, e tramandano di generazione in generazione. E’ infatti probabile che nonna Beppa, utilizzando i soli tuorli dell’uovo nell’impasto della base, avesse voluto impiegare anche gli albumi nella preparazione affinché niente, neppure l’ingrediente più semplice fosse sprecato. Sprecare era proprio inammissibile in una comunità che aveva sempre fatto i conti con la povertà. La Ricciolina una volta impastata e decorata veniva portata a cuocere al forno di Cecchina che si trovava nel cuore del paese, in Sant’Angelo presso la via principale al tempo detto Cursi Maggiore, dove iniziarono a nascere le prime botteghe destinate alla vendita di prodotti alimentari. E’ dunque dalle mani di Nonna Beppa che è nata la ricciolina nella variante badenga, un dolce che attraverso i coloridella meringa e del cioccolato, evoca il paesaggio invernale con la soffice neve che imbianca i maestosi boschi di faggi e castagni che coprono le pendici del Monte Amiata.

Please follow and like us:

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Ricciolina”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *